Viste le festività del 2 giugno il consueto appuntamento per il primo sabato del mese con consulta della cultura è rimandato a data da destinarsi.